Lavori pubblici – Procedura di somma urgenza che i Sindaci possono utilizzare in caso di calamità naturali.

In circostanze di somma urgenza  o comunque per rimuovere lo stato di pregiudizio alla pubblica incolumità, è possibile disporre l’immediata esecuzione dei lavori entro il limite di 200.000 euro.

Questo lo prevedeva l’art. 176 del D.P.R. n. 207/2010 (oggi abrogato dal D.Lgs.n. 50/2016), in riferimento ai provvedimenti in casi di somma urgenza che ammettono l’affidamento dei lavori in forma diretta in deroga alle normali procedure previste dalla normativa. Potrebbe dunque verificarsi il caso, che un’amministrazione pubblica possa utilizzare questa procedura anche per la rimozione di situazioni di pericolo, determinate, da situazioni di degrado e di abbondano per un lungo tempo, comunque di conoscenza dell’amministrazione e che avrebbe dovuto ricorrere a interventi programmati di recupero edilizio.

Lo scorso 5 Novembre l’Anci Sicilia nel merito della procedura di somma urgenza ha pubblicato una nota a cura dell’Area Relazioni Internazionali, Sicurezza Diritti e Protezione civile, che chiarisce le procedure disciplinate dall’art. 163 del D.Lgs 50/2016 in caso di calamità naturali per l’esecuzione di lavori o l’acquisizione di beni e servizi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: